Cosa fare quando le strisce blu sono illegali

striscebluillegaliDopo la lunga pausa che ha lasciato cittadini, visitatori e turisti liberi di parcheggiare la propria auto nelle apposite aree, da metà dicembre 2013 è tornata la sosta a pagamento a Milazzo (Me). A gestirla, dietro assegnazione di gara di appalto, è la Cooperativa Airone, a controllare la regolarità dei gratta e sosta esposti dietro il parabrezza delle auto sono gli ex dipendenti delle ormai tramontate Officine Galileo di Milazzo. Il tagliando gratta e sosta si acquista presso i tabacchi autorizzati alla vendita.

I posti a disposizione sono circa 900, più dei 630 del precedente appalto.

La sosta è libera in via Risorgimento e in via XX Settembre, ad esclusione del tratto tra la sede della Guardia di Finanza e l’angolo con via Cosenz. Si aggiungono nuove aree di parcheggio all’interno della rotonda di Piazza 25 Aprile, a Vaccarella, in parte di via dei Mille e in via Luigi Rizzo.

La quota oraria per gli automobilisti è di 35 centesimi di euro per mezz’ora di sosta e 70 centesimi per un’ora. La tariffa giornaliera è di 5 euro (3 euro per mezza giornata). Per i pendolari e i turisti sono previsti abbonamenti mensili al costo di 70 euro.

A nostro modo di vedere, l’introduzione di aree libere, e quindi esenti dal pagamento, oltre a dare maggiore respiro agli automobilisti, è in linea con le intenzioni del legislatore nazionale. Ma anche qui si poteva fare meglio e di più. La nota stonata è che i parcheggi sono ricavati dalla carreggiata stradale e quindi, da questo punto di vista, sono da considerare illegali.

La legge italiana, tramite l’articolo 7 comma 8 del codice della strada, richiede che nelle vicinanze o dinanzi a parcheggi pubblici a pagamento ci siano aree di parcheggio non a pagamento. In zone di particolare rilevanza urbanistica (area pedonale, autostrade, zona a traffico limitato), questo limite viene meno, ma tali zone devono essere espressamente indicate dalla cartellonistica comunale.

L’Associazione Consumatori Siciliani apre il suo Sportello a tutti i cittadini multati per non aver esposto il tagliando a tariffa oraria per la sosta: se il Comune, infatti, è inadempiente, vi diremo come fare ad annullare il verbale. Inoltre, informa tutti gli automobilisti che hanno parcheggiato regolarmente la loro auto nelle aree di sosta a pagamento, esponendo il relativo tagliando, che il gestore degli stalli è responsabile della custodia del mezzo, anche se i cartelli prevedono il contrario.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...