Risparmio energetico: l’importanza delle finestre

finestraIl risparmio energetico comincia dalle tecniche di costruzione della propria casa e dalla qualità del materiale utilizzato per la sua realizzazione. Purtroppo, non sempre possiamo costruirci una casa a nostro piacimento, anzi, la maggior parte delle volte si tratta di un appartamento già bell’e costruito e datato.
Al di là, dunque, della tipologia costruttiva, daremo indicazioni di carattere generale per risparmiare energia e, di conseguenza, qualche centinaio di euro l’anno (che non fa mai male).
La casa ideale per chi sta in zone molto fredde è quella con poche e piccole finestre, così che il calore interno possa essere meglio trattenuto. Il tutto a discapito di una buona illuminazione naturale. A dirimere ogni dubbio è la legge italiana che prevede degli obblighi da rispettare circa le dimensioni delle finestre delle abitazioni, anche in caso di ristrutturazioni.
Il D.M. del 5 luglio 1975, cui fanno riferimento anche i regolamenti edilizi comunali, prevede che la giusta dimensione di una finestra debba dipendere dal rapporto tra essa e la superficie del pavimento della stanza che deve illuminare, corrispondente, solitamente, a non meno di un ottavo.
Oltre alle dimensioni, è la disposizione della finestra che fa la differenza: se orizzontale, garantirà un’illuminazione buona e immediata soprattutto nelle zone prossime alla stessa, oltre che una splendida vista panoramica; se verticale, consentirà un’illuminazione più prolungata nel corso del giorno e una migliore circolazione dell’aria.
A tutto questo dobbiamo aggiungere anche la posizione delle finestre: quelle esposte a sud riescono ad incamerare più luce e quindi anche più calore, cosa che rende gli inverni molto confortevoli, ma le estati eccessivamente calde. Tuttavia, se si abita in zone molto fredde è preferibile godere di finestre con tale orientamento.
Durante le stagioni più rigide è proprio la finestra il punto di maggiore dispersione del calore e tutto dipende, oltre che dalle sue dimensioni, anche dal materiale utilizzato per la sua composizione (legno, metallo, tipologia di tapparelle, vetri normali o vetri doppi).
Il vetro è un isolante a bassa resistenza termica, perciò il calore interno si disperde attraverso di esso.
Da queste riflessioni, traiamo alcune delle indicazioni per un sano risparmio energetico:

  • se fuori fa molto freddo ed è sera o la luce esterna non ci interessa, chiudiamo pure le persiane o caliamo le tapparelle: il calore sarà maggiormente trattenuto all’interno della casa;
  • se l’aria esterna filtra da piccole fessure dell’imposta, cercate di apporre all’interno del battente delle strisce di gomma o neoprene, o del sigillante se la superficie vetrata è traballante o sistemate la maniglia, il perno del passante o il foro di chiusura se il battente non chiude bene;
  • posizionate, se potete, i caloriferi o i termosifoni nei punti più interni della casa, lontano dalle finestre;
  • se possibile, fate entrare la luce del sole durante le ore del giorno;
  • se volete aerare i locali, fatelo durante le ore del giorno e non nelle ore serali.

Queste sono solo alcune delle indicazioni che potranno consentirvi di stare ben al caldo e farvi risparmiare un bel po’ di denaro.
Alla prossima!

Associazione Consumatori Siciliani e Sikelia Onlus.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...